Dal 16 al 19 novembre torna a Milano Bookcity, evento condiviso dai protagonisti del mondo editoriale giunto ormai alla sua 5′ edizione.

“Fino al giorno in cui mi minacciarono di non lasciarmi più leggere, non seppi di amare la lettura: si ama, forse, il proprio respiro?” (Harper Lee)

l’iniziativa: 

BOOKCITY MILANO si articola in una manifestazione di tre giorni (più uno, il 16, dedicato alle scuole e alle università), durante i quali vengono incoraggiate una serie di iniziative tra cui incontri, presentazioni, letture ad alta voce, mostre, spettacoli, seminari sulle nuove pratiche di lettura, sia come atto individuale che collettivo.

L’evento è voluto dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano e dall’Associazione BOOKCITY MILANO, fondata da Fondazione Corriere della Sera, Fondazione Giangiacomo Feltrinelli, Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori e Fondazione Umberto e Elisabetta Mauri. Esso si inserisce negli eventi promossi dalla città di Milano per rinnovare la propria immagine e offerta culturale e prevede attività di promozione della lettura durante l’anno, che servono a dare continuità alle strategie culturali dell’Associazione BOOKCITY MILANO.

La genesi e gli obiettivi di BOOKCITY: 

Nel 2012 il Comitato Promotore e l’Assessorato alla Cultura hanno chiamato a raccolta gli editori italiani con l’obiettivo di mettere al centro di una serie di eventi diffusi nell’intera metropoli il libro, la lettura e i lettori, quali protagonisti dell’identità cittadina e delle sue trasformazioni nella storia in un continuum temporale che si rivolge indietro, all’attualità ma soprattutto in avanti, al futuro culturale della città meneghina su scala internazionale.

L’offerta: 

La ricchezza di BOOKCITY MILANO è la sua capillare presenza in città: musei, teatri, scuole, università, biblioteche, palazzi storici, librerie, associazioni, negozi, spazi pubblici e privati portano alla ribalta la passione per il libro e per la lettura, abitudine che va perdendosi – secondo le statistiche – ma che mai verrà abbandonata, costituendo per alcuni una vera e propria ragione di vita.

Quattro gli appuntamenti fondamentali da cui partire e orientarsi:

1.“Le parole che escono dal cuore giungono al cuore”, Castello Sforzesco  – Visitando il castello, si avrà l’occasione di recarsi nella grande Sala Viscontea, nella biblioteca della Sala Weill-Weiss, nella Sala della Balla e in quella Bertarelli. Nel cortile delle Armi, inoltre, saranno presenti dei giovani ragazzi che intratterranno con delle letture ad alta voce tratte dall’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto e dal Canzoniere di Petrarca. Immancabile poi l’appuntamento con l’arte, con l’iniziativa “Arte e vita” (18 novembre alle 12.00), Con Geoff Dyer, tra i più interessanti scrittori contemporanei e Andrea Gentile, scrittore e direttore editoriale del Saggiatore.

2.“Le mille e una storia”, Triennale di Milano –  Nel noto museo il tema è invece quello del racconto. Venerdì 18 Novembre alle ore 15.30 si terrà un convegno su fotografia e giornalismo “Milioni di passi per Itaca”, reading di poesie, musica, immagini e frammenti di film. Vi sarà anche lo Show letterario di “Parole Note”.

3.“Futuri possibili”, Museo nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” – Da Leonardo da Vinci al mistero di Ettore Majorana, da Star Wars ai big data sono alcuni degli eventi organizzati al museo.

4.“L’identità, l’incontro”, Mudec e Base –  Qui il tema è quello dell’identità e dell’incontro con un importante evento dedicato alle social street, che a Milano sono moltissime. Se ne parlerà venerdì 18 alle 16.00 in Sala C di Base.
Si potranno incontrare anche Erri De Luca (sabato alle 14.30 al Mudec) e Antoine Leiris, il giornalista di Radio France che perse la moglie Helene nella strage del Bataclan (sabato alle 12.00 a Base).
Diversi saranno poi i dibattiti sull’Islam e sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza in occasione dell’anniversario della Convenzione ONU. Non manca l’attenzione alle donne, celebrate dall’evento WE Women. Cambiare, insieme. Alla ricerca della felicità (17 novembre alle 19.00), con Laura Donnini, Antonella Bussi, Francesca Isola, Claudia Parzani e Elisa Bulgheroni.

Tuttavia, aldilà di questi punti cardine, l’offerta è davvero ampia e tra gli altri appuntamenti che mi sento di consigliarvi vi sono al Padiglione Visconti “Le voci della città”, una grande maratona di lettura della durata di una notte sul tema de “Le città invisibili” (a partire dalle 18.00 di sabato 19 novembre fino alle 10.00 di domenica 20 novembre).

Segnalo inoltre ApeShakespeare, To Bee or not To Bee, che sarà presente, a sorpresa, nei luoghi di BookCity con animazioni teatrali e merende bio; ApeShakespeare è la primissima Ape car italiana che unisce teatro e cibo di strada, progetto di reinserimento lavorativo delle attrici e cuoche ex detenute del carcere di San Vittore a Milano.

Non resta che sbizzarrirsi selezionando quegli eventi che più fanno al caso proprio. Il programma integrale è consultabile al link seguente:

Programma integrale BOOKCITY 2017

Chiara Zanetti

 

Condividi