Paolo e Giuseppe Natale sono due fratelli originari di Seregno, una cittadina in provincia di Milano.

Paolo è laureato in Biotecnologie Agrarie e lavora per una azienda biotech, Giuseppe ha studiato Scienze Biologiche e ha lavorato come tecnico in un importante centro di ricerca. Nel 2013 decidono di tornare a seguire la loro passione per l’illustrazione, così riprendono in mano matita, pennello e mouse e si mettono di buona lena a tentare di recuperare il tempo perduto. Fondano il portale Natcomics, un sito molto ricco che contiene i loro principali lavori.

Sempre nel 2013 vengono scelti dalla casa editrice slovacca EZEN per illustrare le copertine delle loro prime pubblicazioni.

Dal 2014 collaborano con Giulio Caperdoni, illustrando settimanalmente le copertine della trasmissione radiofonica Eclettica.

Nel 2015 pubblicano la prima copertina per la casa editrice MarenčinPT, iniziando a produrre una serie di illustrazioni su temi sociali, politici e sportivi che vengono notate da TPI, la quale pubblica una galleria dei loro lavori sul proprio sito. In seguito, cominciano a collaborare con Twig Magazine e una loro illustrazione viene selezionata per il calendario della associazione Tapirulan, arrivando tra le prime 12 del concorso internazionale per illustratori.

Un successo meritato in virtù dell’originalità e dell’accuratezza con cui vengono realizzati i lavori, molto d’impatto anche dal punto di vista contenutistico. Si prenda a caso esemplare l’immagine di sopra, intitolata “Morte della conversazione”, in cui figura una coppia a lutto, sotto la pioggia, dinnanzi a una bara che contiene la materia prima di cui è fatto il discorso, ovvero le lettere dell’alfabeto. Sullo sfondo si staglia l’ombra della morte, che reca come capo l’icona di WhatsApp.

Molto bella anche la rivisitazione di “Amore e Psiche”, in calce all’articolo, in cui due anziani – presumibilmente in ospizio o in un centro geriatrico – sono coinvolti in un abbraccio molto particolare, quasi un tentativo da parte dell’uomo di raccogliere la donna dal suolo. Si tratta di amore a livello sentimentale ed animico, che rispecchia l’assoluta devozione della coppia, seppur attempata e con evidenti difficoltà.

Non mi resta che augurare il meglio a questi due illustratori, molto capaci e sensibili a temi sociali spesso trascurati.

Chiara Zanetti

Condividi