IL TRIO, TRA I PIÙ ACCLAMATI DELLA SCENA JAZZ

Le collaborazioni in varia forma tra i componenti del trio Zambrini (pianoforte), Micheli (contrabbasso) e Zirilli (batteria) risalgono fino agli esordi degli anni 90, per quanto riguarda Zambrini, con Zirilli nel quintetto torinese di Giorgio Licalzi, e più avanti nel gruppo del chitarrista brasiliano Roberto Taufic, sempre a Torino. Micheli e Zirilli hanno collaborato negli anni in una serie di trii e quartetti di grande prestigio, fino alla più recente collaborazione con il saxofonista Pietro Tonolo, sfociata lo scorso anno in un quartetto di cui lo stesso Zambrini ha fatto parte.

Marco Micheli ed Enzo Zirilli sono da molti anni tra i più richiesti, efficaci e creativi strumentisti del jazz italiano: la lista infinita delle loro collaborazioni comprende personaggi del calibro di Dado Moroni Enrico Pieranunzi, Chet Baker, Lee Konitz, Kenny Wheeler, Franco D’andrea, Mitchel Forman, Tony Scott, Bobo Stenson, Gianluigi Trovesi, Phil Woods, Bill Elgart, Marilyn Mazur, Miroslav Vitous, Norma Winstone, George Garzone, Daniel Humair, Jimmy Owens, Franco Ambrosetti, Enrico Rava, John Taylor, Cedar Walton, Lew Tabackin, Dave Liebman e molti altri.

Zambrini ha svolto la sua attività a cavallo tra la dimensione di autore di brani originali e apprezzati, condivisi e ripresi da molti colleghi jazzisti, (Lee Konitz, Rita Marcotulli, Stefano Bollani, Eliot Zigmund tra gli altri), e una dimensione più definitamente pianistica, che sviluppa nel tempo attraverso collaborazioni con musicisti di grande livello, proprio come Micheli e Zirilli, ma anche Ron Horton, Pietro Tonolo, Mahnu Roche, Jesper Bodilsen, Tiziana Ghiglioni, Hamid Drake, Maria Pia De Vito, Paolino Dalla Porta, Robeto Gatto e Martin Andersen.

Assieme, sulla scorta di molteplici esperienze condivise ed affinità ormai sperimentate e rodate nel tempo, proporranno alcuni brani originali di Zambrini ed alcuni standard della tradizione jazzistica, con particolare “focus” sulle composizioni dei grandi strumentisti degli anni 60-70.

LA RASSEGNA “FABBRICA DI NOTE”

Obiettivo dell’Associazione Isolamusicaingioco, attiva in zona Isola dal 2004, è divulgare la musica in tutte le sue espressioni e diffondere la sua conoscenza ad un pubblico vasto e variegato sia per età che per competenze e conoscenze musicali.

Isolamusicaingioco, nel 2017, ha vinto il bando triennale per la gestione di un lotto all’interno della ‘Fabbrica del Vapore’ e il suo intento è far ‘risuonare’ di musica la Fabbrica, sia con i corsi musicali per tutte le età, sia con i concerti per bambini e per adulti.

In particolare, il mercoledì sera la “Fabbrica del Vapore” diventerà “Fabbrica di note”, proponendo musica dal vivo scelta tra i vari generi musicali, dal jazz alla classica, in un contesto in cui le note e le melodie spaziano in un panorama a 360° nella musica e la Fabbrica diventa un luogo dove ascoltare o creare musica, insieme a nomi conosciuti dello scenario musicale contemporaneo o a nuove proposte e giovani di talento.

In questo quadro e con questi obiettivi, l’associazione propone fino a dicembre una rassegna di tre concerti in ambito jazz, che permettono di esplorare tutte le varianti di questo splendido e prolifico genere musicale.

L’ultimo concerto è previsto per il 12 dicembre con il Duo Panetta.

INFORMAZIONI UTILI

THE ARTLAND, FABBRICA DEL VAPORE, RASSEGNA FABBRICA DI NOTE (Via Giulio Cesare Procaccini, 4, 20154 Milano)

IL TRIO ZAMBRINI, MICHELI, ZIRILLI IN CONCERTO

Mercoledì 28 novembre alle ore 21:00, ingresso: 10 euro.

Chiara Zanetti

Condividi