Giovanissimi, torinesi e… Che altro dire? Spettacolari, nell’accezione propria del termine: singolari per la loro originalità. Masa e Afterouge sono usciti lo scorso 2 maggio con il nuovo singolo: “Il gatto blues (Saturday night legends”), per la regia di Mattia di Matera, registrato presso “Icarus Studio Recordings”.

Il genere di appartenenza è il trap, che vede elementi del rap ed altri derivanti dalla dubstep e dall’elettronica. La fusione di queste diverse influenze produce una musica che presenta linee vocali a metà tra il cantato e il rappato, molto ballabile ed orecchiabile. In atre parole, musica fresca, che sa d’estate e che è in grado di metterti di buon umore e in sintonia con il prossimo. Caratteristiche, queste, quanto mai pregevoli per il momento storico che stiamo vivendo, soverchiato da difficoltà, scontri ed idiosincrasie.

Ad ogni modo, nonostante il brio e la spontaneità, i due musicisti non dimenticano di affrontare tematiche scottanti, seppur con una dose di ironia e leggerezza:

“Ammiro il disinteresse con cui il sole si preoccupa di svegliarci ogni mattina, nonostante le guerre da cui l’uomo rincara una dose di adrenalina”

Recita la canzone, condensando un principio poetico con uno polemico in maniera essenziale e immediata.

¿Qué horas son mi doraemon? Declama invece il ritornello, che ti trascina, se non in una danza esplicita, in una schiocchiata di dita sull’ondeggiante andante. Buon ascolto!

Chiara Zanetti

Condividi