La rassegna FABBRICA DI NOTE a cura di Isolamusicaingioco inaugura con MIGRANTE – “Solo Project” Giovanni Falzone

PRIMA ASSOLUTA MILANESE, mercoledì 25 ottobre 2017, ore 21.30

Il Migrante, quando lascia la propria terra di origine, porta con sé una valigia invisibile piena di tracce indelebili: radici sapori, odori, immagini, suoni, suggestioni, ricordi e molto altro. Questo progetto in “solitaria” racconta un mondo interiore composto da tantissime tessere sonore. Il tutto filtrato ed elaborato attraverso l’utilizzo di strumentazione elettronica affiancata al suono acustico della tromba, alla voce e ai vari oggetti sonanti.

Il migrante aperto e ben disposto si trasforma, si arricchisce di nuove esperienze, assorbe l’energia del luogo che lo accoglie donando in cambio la propria storia. La manipolazione costante e in tempo reale del suono acustico d’origine, attraverso la strumentazione elettronica, mi è sembrato il modo migliore per enfatizzare la continua metamorfosi come metafora predominante dell’esistenza umana. Un viaggio creativo e meditativo al di sopra di ogni barriera e genere. 

Note d’autore:

Trombettista e compositore, Giovanni Falzone comincia lo studio della tromba presso la scuola di musica della banda del paese di Aragona (AG) all’età di 17 anni. Subito dopo si iscrive al Conservatorio di musica “V. Bellini” di Palermo, dove si diploma in soli quattro anni sotto la guida del maestro G. Ciavarello. Si diploma inoltre, con il massimo dei voti, al corso di jazz del Conservatorio “G. Verdi” di Milano.

Dal 1996 al 2004 ha collaborato stabilmente con l’Orchestra Sinfonica di Milano ed ha avuto occasione di suonare con direttori e solisti di fama internazionale come: Giuseppe Sinopoli, Claudio Abbado, Carlo Maria Giulini, Riccardo Chailly, Yutaka Sado, Luciano Berio, Vladimir Jurowski, Valere Giergev.

(Pubblicazione comunicato stampa)

Condividi