Azienda ammiraglia nel settore della distribuzione di miscele di caffè, Caffè Ottolina ha concluso l’anno di celebrazioni per il suo settantesimo anniversario con un fastoso happening che ha esaltato la memoria del marchio attraverso il ricordo delle persone coinvolte nella sua storia e un particolare showcooking d’occasione.

L’Amministratore Delegato di Caffè Ottolina, Fabio Massimo Ottolina, ha espresso la sua gioia e la sua fierezza oltre che l’emozione per aver rievocato l’intraprendenza coraggiosa del padre Remo, aggiungendo di essersi divertito per la sfida dei tre affermati chef e deliziato con la scelta dei brani musicali che hanno accompagnato le vicende di bar e caffè in tutti questi decenni.

Un’eccellenza intatta da settant’anni, composta da 3 generazioni, un’area di torrefazione pari a 3500 mq, una copertura su 15 paesi, 800 esercizi pubblici serviti in Lombardia e 500 ristoranti McDonald’s, 2 concept store a Milano presso Palazzo Lombardia e Maciachini Business Centre e 8 nel mondo di cui 5 in Asia. Ad impreziosire risultati così poderosi ci sono: 1 milione di caffè tostato all’anno suddiviso in 16 miscele, 12 milioni di tazzine di caffè annui, la nuova rete di distribuzione Amazon e 8 milioni di fatturato all’anno.

La sfida dello showcooking di Caffè Ottolina su ricette salate ha visto la partecipazione di Associazione Professionale Cuochi Italiani e tre rinomati chef: Liborio Genovese, Cinzia Fumagalli e Luca Malacrida. Quest’ultimo si è aggiudicato il primo premio. Luca Malacrida ha mandato in visibilio il palato della giuria con un cannolo di fonio e caffè farcito di baccalà mantecato, al quale è seguito, al secondo posto, il piatto a base di crema di cipolle, latte di mandorla e caffè di Cinzia Fumagalli, infine il risotto al latte di mandorla con spuma al caffè di Liborio Genovese.

L’affresco memorialistico della vicenda storica dell’azienda – che sarà contenuto in Ottolina ieri, oggi e domani, libro in uscita nel 2019, curato da Trenta Editore – si è strutturato con interviste registrate e in presa diretta di personaggi che hanno caratterizzato il corso dell’impresa dall’inizio fino a questo anniversario, raccontando i cambiamenti delle consuetudini e del gusto degli italiani; coinvolti anche affezionatissimi clienti come Francesco Mariello, al quale è stato fatto omaggio di una targa che celebra il suo rapporto con Caffè Ottolina, che dura ormai dagli anni Ottanta. A contrassegnare le cadenze dell’andamento di questi settant’anni sono state le musiche tipiche dei periodi succeduti, messe in rassegna da Marco Trifone, che ha scandito il racconto con gli indimenticabili successi di Modugno, Celentano, De André, Paoli…

Caffè Ottolina

via Privata Decemviri 20/24, Milano

Chiara Zanetti

Condividi