EN

Thank you for accepting to be interviewed. It’s a great pleasure for me having the opportunity of confronting myself with the curators of such a beautiful exhibition held in Milan. Could you tell us something about the genesis and purposes of the project Axis: London, Milan? Would you please introduce us to the main works exhibited?

AR Thank you Chiara it’s great to be invited to discuss our work and the exhibition with you. The concept of Axis: London Milano came from talks I had with Andrea Vento, the creator of the new project space at Fabbrica del Vapore and we wanted to make a launch exhibition featuring some of the best artists working around London.  Andrea is the former Director of Culture at the Comune di Milano and he also organized my retrospective at Fondazione Stelline in 2010 which introduced my work to Italy. I invited Claudia De Grandi to co-curate the exhibition and together we considered many artists before choosing the participants.

CDG When Alan mentioned to me about Fabbrica de Vapore I was very excited with the idea of bringing British artists to Milan. Especially because of the link these two countries artistically and historically share. So we started to select the artists that would best depict the contemporary scene without compromising the location concept. In other words, we wanted to create a space that accommodated contemporary ideas together with the location.

AR When we came to install the exhibition we wanted the themes to evolve through three rooms starting with a beautiful painting by Matthew Radford Rose, which calls to mind the paintings of Chinese and Japanese cherry and plum blossom trees like metaphors for contemplation and a sense of alignment with the natural world.

All the pieces were chosen by us from the works of each artist. The young duo Walter & Zoniel gave us some intensely beautiful photographs from their Toki series based on their seminal installation “The Physical Possibility of Inspiring Imagination in the Mind of Someone Living”. They show luminous jellyfish immersed a huge water tank which they had for real in shop windows at Liverpool, Miami and Venice at the Biennale.

There’s a vibrant painting by another young artist Rebecca Youssefi, “Meteor Shower above the Human Race” which continues this theme of a life affirming sense of awe at the scale of the cosmos.

Two characteristic photographic light drawings by Kirsten Reynolds make a wonderful gesture, and relate closely to the same theme.

The first room is completed by Claudia’s colour field paintings from her Horizon series and my own contribution which appears to be a straightforward painting of a wild, quite romantic landscape yet contains hidden an image of a startled, frightened stag, running scared from an unknown terror and falling into a polluted water.

I love seeing Claudia’s paintings opposite mine they have an amazing energy and aliveness and create a whole vision of a matrix of Earth, Sea and Sky out of minimalist colours.

Following on from this we’re planning to make some collaborative works as diptychs and triptychs and will be exhibiting these soon in Milano.

As the exhibition rounds the corner into Room 2 the quite harmonious vision lingering from these works just vanishes!

There are more pieces by Matthew Radford, studies of hurrying, preoccupied city workers darting across the floors of a late night illuminated office building.

The sense of anxiety these paintings show gets worse in Stephen Newton’s Large Painting of a Bed and a Window which is about the loneliness of modern existence.

Drawings and prints by Oska Lappin are about the craziness of suburban American life today particularly the deep unease created by the Trump administration.

Another female artist whos work is getting a lot of attention in London is Cat Roissetter. She has made a series of delicate and yet obscure drawings and collages which are equally disturbing and appear to be about a strange sense of loss in human fortune.

So the second room is about the existential crisis of modern times, and the paintings of Charlotte Snook conjure up the mad world of a Baroque artist’s studio from around the actual beginning of modern times in Europe when the hierarchy of The Church and the power of the aristocracy was on the wane.

These paintings lead on to Birth of Ideas by Jake and Dinos Chapman which I think spits out the notion of an artist’s reflective commentary on society like a madcap punk version of Edward Lear poem..

We then hung three more works by Kirsten Reynolds which are uncannily like the Chapman brothers piece and full of furious yet dangerous energy.

After the visual hysteria of these pieces you could take a look at Medium Trees a video by Overlap which is less a post-industrial confrontation between Society and Nature, and more a lyrical, affirming, landscape narrative which is optimistic and about redeeming attitudes to Nature in the electronic age. This work goes well with a simple painting of trees by the photorealist artist Tim Craven which is kind of about the world of rural England threatened by the environmental crisis.

A suite of photographs by the French artist Catherine Balet complete the show, neoclassical figure compositions lit by the weird unearthly aura of cell phones and laptops.

The project Axis put Nature at the focus of our attention. From the smallest microorganisms to the largest animals, all life on Earth has a common ancestor. Everything is connected to everything. According to you, what are the consequences that our species has come to dominate the landscape in a short period of time? As we have removed ourselves further and further from nature, we have developed a willing ignorance of our role and relationship within it. Do you agree with this statement?

AR  Well one consequence is easy to see if you look at photographs of the Arctic tundra from a hundred years ago compared to what it’s becoming now…

Also we’re told how many thousands of animal and plant species are currently under threat of extinction due to pollution and the destruction of natural habitats. As you say Chiara, everything is connected, and in the increasingly fast disruption to so many eco systems within nature it’s a folly beyond compare to imagine that human existence isn’t jeopordised by our willing ignorance, as you put it, of the worldwide situation.

What are the aspects of contemporary art you have come to consider in bringing together several artists from different places? Which are the historical connections – from an artistic point of view – between London and Milan?

CDG First, I thought that all the artists have a common ground in the way they demonstrate their craftsmanship. They all have a unique way of depicting their ideas and their use of colours, shapes, etc. Basically, we were thinking of language, skills and then, of course, contemporary display of images. I think, in a way craftsmanship and language covers the artistic and historical link between these two countries!

The combination of an urban and gentrified area with historical buildings such as Tracce di Vapore and the nearby Mausoleum brings a special cultural context for the current show. Would you like to deepen this aspect?

AR  For me to be following in the footsteps of the great English landscape artists who came to work in Italy, Turner and Bonnington for example, is exciting yet quite daunting.

CDG  The gallery is in such a great neighbourhood, The juxtaposition of historical buildings such as Tracce di Vappore and the nearby Mausoleum with the fast growing and gentrified community gives a rich traditional context for the visitor viewing our artists. To see the two together is wonderful.

What have you achieved so far with the current exhibition? And what are your expectations for the coming future?

AR  We had an astonishing number of people at the launch and great enthusiastic speeches by the Deputy Mayor of Milan and Andrea Vento explaining about the whole Fabbrica del Vapore project. So far there have been a lot of visitors and sales of art works and quite a few good reviews in the press including a piece in Il Giornale and a review in International Times in London!

CDG We would like to continue to expand the Axis project maybe annually with different artists including music, video and performance in future shows. Bringing artists in collaborations and other forms of media.

What impact has contemplative art on the viewer?

CDG It is difficult to say how each one receives or perceives the concept of contemplative art. For me, I am interested in the space which you confront when viewing it. It takes a bit of time also to enter into that space. So, you need to contemplate it, like a meditation. You allow yourself to enter into a different space that is not cluttered because you’re supposed to be in a quiet space. Wherever it takes you it is a place of your own. It is totally intimate with you and you become in touch with your own perceptions. It is a kind of time to reset yourself, it a moment of itself that only you can see it and be part of it at that specific time.

In Room 2 ‘the lingering afterimage of vision and engagement evaporates sharply. In this case, the works of art convey a sense of panic, ennui, mild anxiety and claustrophobia, depicting the existential crisis of modern times. Do you think these feelings can be overcome?

CDG The artists in room 2 are depicting an important aspect of modern life. The side of brain that does not rest because of the feeling of being imprisoned by the overwhelming world.  Maybe by confronting the reality of these images is not as restful but it points out to a reality that most of us are trying to avoid seeing or taking responsibility for.

AR  Perhaps by recognizing the reality of the kind of collective anxiety which exists in the subconscious in modern urban life, through time pressures, societal and status worries and the rapid fire pseudo urgency of 24 hour TV reporting. Once these things are acknowledged it’s maybe a smaller step to be able to change and be free of conditioning.

Alan, you said that a coolly methodical painting of the countryside of an England about to be lost by Tim Craven signifies both epilogue and prologue of the exhibition. Could you explain this further?

AR  I thought Tim’s painting of a single tree with it’s contemporary technique and yet simplistic traditional subject matter leads you to realize the way the idyllic nature of our countryside is greatly in danger of being lost forever. It’s threatened by a combination of environmental pollution and increasingly drastic changes in the way  vulnerable ecosystems of the world are ignored by the surge of profiteering global business.

ITA

Grazie per aver accettato di essere intervistati. È un grande piacere per me avere l’opportunità di confrontarmi con i curatori di una così bella mostra ospitata in quel di Milano. Potreste dirci qualcosa sulla genesi e gli scopi del progetto Axis: London, Milano? Vorreste presentarci per favore le opere principali?

AR Grazie, Chiara, è bello essere invitati a discutere con te del nostro lavoro e della mostra. Il concetto di Axis: London Milano è nato dai discorsi che ho fatto con Andrea Vento, il creatore del nuovo spazio progettuale alla Fabbrica del Vapore e volevamo realizzare una mostra di lancio con alcuni dei migliori artisti che lavoravano in giro per Londra. Andrea è stato l’ex Assessore alla cultura del Comune di Milano e ha anche organizzato la mia retrospettiva alla Fondazione Stelline nel 2010, che ha introdotto il mio lavoro in Italia. Ho invitato Claudia De Grandi a co-curare la mostra e insieme abbiamo preso in considerazione molti artisti prima di scegliere i partecipanti.

CDG Quando Alan mi ha parlato della Fabbrica de Vapore, ero molto emozionata all’idea di portare in mostra a Milano alcuni artisti britannici. Soprattutto a causa del legame che questi due paesi condividono artisticamente e storicamente. Quindi abbiamo iniziato a selezionare gli artisti che meglio rappresentano la scena contemporanea senza compromettere il concetto di location. In altre parole, volevamo creare uno spazio che accogliesse le idee contemporanee in un legame con il luogo stesso.

AR Quando siamo venuti ad installare la mostra, volevamo che i temi si evolvessero attraverso tre stanze iniziando con un bellissimo dipinto di Matthew Radford Rose, che richiama alla mente le raffigurazioni di ciliegi cinesi e giapponesi e alberi di prugna come metafore della contemplazione e di un senso di allineamento con il mondo naturale.

Tutti i pezzi sono stati scelti da noi dal repertorio di ciascun artista. Il giovane duo Walter & Zoniel ci ha regalato delle bellissime fotografie della serie dei Toki basate sulla loro installazione “La possibilità fisica di vedere l’immaginazione nella mente di un essere vivente.”.  Questa mostra meduse luminose immerse in un enorme serbatoio d’acqua, opere che avevano in vetrina a Liverpool, Miami e a Venezia, alla Biennale.

C’è una pittura vibrante di un’altra giovane artista, Rebecca Youssefi: “Una pioggia di meteoriti sulla razza umana” che continua questo tema di una vita che afferma il senso di timore reverenziale su scala cosmica.

Due caratteristici disegni a luce fotografica di Kirsten Reynolds riportano un gesto meraviglioso e si riferiscono strettamente allo stesso tema. La prima sala è completata dai dipinti a colori di Claudia della sua serie “Horizon” e il mio contributo che si configura come un dipinto di un paesaggio selvaggio e abbastanza romantico, ma contiene un’immagine nascosta di un cervo spaventato e intirizzito, che corre terrorizzato via da una minaccia sconosciuta e cade nell’acqua inquinata.

Mi piace vedere i dipinti di Claudia di fronte al mio, hanno un’energia e una vitalità incredibili e creano un’intera immagine di Terra, Mare e Cielo dai colori minimalisti.

Per il futuro, ci proponiamo di realizzare alcuni lavori come dittici e trittici che intendiamo esporre presto a Milano.

Mentre la mostra gira l’angolo nella Stanza 2, la visione abbastanza armoniosa di questi lavori svanisce!

Ci sono altri pezzi di Matthew Radford, immaini di impiegati frettolosi e preoccupati che sfrecciano attraverso i pavimenti di un edificio fatto da uffici illuminati a tarda notte.

Il senso di ansia che questi dipinti mostrano peggiora nella “Grande Pittura” di un letto e una finestra di Stephen Newton, il quale parla della solitudine dell’esistenza moderna.

Disegni e stampe di Oska Lappin rimandano alla follia della vita suburbana americana oggi, in particolare del profondo disagio creato dall’amministrazione Trump.

Un’altra artista femminile che sta ricevendo molta attenzione a Londra è Cat Roissetter. Ha realizzato una serie di disegni e collage delicati ma oscuri che sono ugualmente inquietanti e sembrano evocare uno strano senso di perdita dell’umanità.

Quindi la seconda stanza parla della crisi esistenziale dei tempi moderni, e i dipinti di Charlotte Snook evocano il folle mondo dello studio di un artista barocco dell’inizio del periodo moderno in Europa, quando la gerarchia della Chiesa e il potere del l’aristocrazia erano in declino.

Questi dipinti portano a “Nascita delle idee” di Jake e Dinos Chapman, il quale sputa un commento riflessivo di una artista sulla società come una versione punk di Edward Lear. Abbiamo quindi affisso altre tre opere di Kirsten Reynolds che sono incredibilmente simili al pezzo dei fratelli Chapman e piene di energia furiosa ma pericolosa.

Dopo l’isteria visiva di questi pezzi si potrebbe dare un’occhiata a “Alberi medi”, un video di Overlap che è meno un confronto post-industriale tra società e natura, si tratta in questo caso più di una narrazione lirica, affermativa, paesaggistica che veicola messaggi ottimisti rispetto alla natura nell’era elettronica.

Questo lavoro si sposa bene con una semplice pittura di alberi del foto-realista Tim Craven che è una specie di microcosmo dell’Inghilterra rurale minacciato dalla crisi ambientale.

Una serie di fotografie dell’artista francese Catherine Balet completano lo spettacolo, composizioni di figure neoclassiche illuminate dalla strana aura ultraterrena di telefoni cellulari e computer portatili.

Il progetto Axis pone la natura al centro della nostra attenzione. Dai più piccoli microrganismi agli animali più imponenti, tutta la vita sulla Terra ha un antenato comune. Tutto è connesso a tutto. Secondo te, quali sono le conseguenze del fatto che la nostra specie ha finito per dominare il paesaggio in periodo di tempo così breve? Poiché ci siamo allontanati sempre più dalla natura, abbiamo sviluppato una volontaria ignoranza del nostro ruolo e della nostra relazione interni ad essa. Sei d’accordo con questa affermazione?

AR Beh, una conseguenza è facile da vedere se guardi le fotografie della tundra artica di cento anni fa rispetto a quello che sta diventando ora …
Inoltre ci viene detto quante migliaia di specie animali e vegetali sono attualmente a minaccia di estinzione a causa dell’inquinamento e della distruzione degli habitat naturali. Come tu dici Chiara, tutto è connesso, e nella sempre più rapida interruzione di così tanti ecosistemi naturali è una follia oltre l’immaginabile avere idea che l’esistenza umana non sia compromessa dalla nostra voluta ignoranza, come tu dici, della situazione mondiale.

Quali sono gli aspetti dell’arte contemporanea che hai preso in considerazione nel riunire diversi artisti provenienti da luoghi distanti tra loro? Quali sono le connessioni storiche – da un punto di vista artistico – tra Londra e Milano?

CDG Innanzitutto, ho pensato che tutti gli artisti avessero un terreno comune nel modo in cui dimostrano l’arte artigianale. Hanno tutti un modo unico di raffigurare le loro idee e il loro uso di colori, forme, ecc. Fondamentalmente, stavamo pensando alla lingua, alle abilità e, naturalmente, alla visualizzazione contemporanea delle immagini. Penso che, in un certo senso, l’artigianato e il linguaggio segnalino il legame artistico e storico tra questi due paesi!

La combinazione di un’area urbana e borghese con edifici storici come Tracce di Vapore e il vicino Mausoleo offre uno speciale contesto culturale per la vostra mostra. Vorreste approfondire questo aspetto?

AR Per me seguire le orme dei grandi artisti paesaggisti inglesi che sono venuti a lavorare in Italia, Turner e Bonnington per esempio, è emozionante ma alquanto scoraggiante.

CDG La galleria si trova in un quartiere così grande… La giustapposizione di edifici storici come Tracce di Vappore e il vicino Mausoleo con la comunità in rapida crescita e gentrificata offre un ricco contesto per il fruitore che osserva i nostri artisti. Vedere le due cose avvicendate è meraviglioso.

Cosa avete raggiunto finora con la mostra? E quali sono le vostre aspettative per il futuro imminente?

AR Abbiamo avuto un numero sorprendente di persone al vernissage e discorsi entusiasti da parte del Vice Sindaco di Milano e Andrea Vento, i quali hanno spiegato l’intero progetto della Fabbrica del Vapore. Finora ci sono stati molti visitatori e vendite di opere d’arte e parecchie buone recensioni sulla stampa tra cui un pezzo su Il Giornale e una recensione su International Times a Londra!

CDG Vorremmo continuare ad espandere il progetto Axis, magari annualmente, con artisti diversi, unendo musica, video e performance.

Che impatto ha l’arte contemplativa sullo spettatore?

CDG È difficile dire come ognuno riceve o percepisce il concetto di arte contemplativa. Personalmente, mi interessa lo spazio con cui ci si confronta
quando si guarda l’opera. Ci vuole un po ‘di tempo anche per entrare in quello spazio. Ci si concede di entrare in uno spazio diverso che non è ingombrato perché devi essere in uno stato d’animo tranquillo. Ovunque ti porti, è un posto tutto tuo. È totalmente intimo e ti senti in contatto con le tue percezioni. È un po’ il momento per fare un reset.

Nella stanza 2 l’idea della contemplazione e dell’impegno svanisce bruscamente. In questo caso, le opere d’arte trasmettono un senso di panico, noia, ansia e claustrofobia, che rappresentano la crisi esistenziale dei tempi moderni. Pensi che questi sentimenti possano essere superati?

CDG Gli artisti nella stanza 2 stanno raffigurando un aspetto importante della vita moderna. La parte della mente che non si ferma a causa della sensazione di essere imprigionata da un mondo vissuto come travolgente. Forse confrontarsi con la realtà di queste immagini non è così riposante, ma indica una porzione di contemporaneità che molti di noi stanno cercando di evitare di vedere o di prendere in considerazione.

AR Forse riconoscendo la realtà del tipo di ansia collettiva che esiste nel subconscio nella vita urbana moderna, attraverso le pressioni del tempo, le preoccupazioni della società e dello Stato e la pseudo-urgenza di trasmissioni televisive in onda 24 ore su 24…. Una volta che queste cose sono state riconosciute, magari si compie un ulteriore passo verso la possibilità di essere liberi da condizionamenti.

Alan, hai detto che un dipinto freddamente metodico della campagna di un’Inghilterra che sta scomparendo da parte di Tim Craven sta a significare sia l’epilogo che il prologo della mostra. Potresti spiegarci nel dettaglio?

AR Pensavo che la pittura di Tim di un singolo albero con la sua tecnica contemporanea e il suo semplicistico soggetto tradizionale ci portasse a realizzare il modo in cui la natura idilliaca della nostra campagna è fortemente minacciata per sempre. È minacciata da una combinazione di inquinamento ambientale e cambiamenti sempre più drastici nel modo in cui i vulnerabili ecosistemi del mondo vengono ignorati dall’impennata speculativa del business globale.

Chiara Zanetti

Condividi