Bologna 22 Giugno 2017. Un polo didattico all’avanguardia per trasmettere il know how della moda: formazione e innovazione made in Italy. In poche parole: Fondazione Fashion Research Italy

Nella storica sede del Gruppo La Perla, al civico 12 di via del Fonditore a Bologna, nasce il progetto no profit presieduto da Alberto Masotti, che investe 15 milioni di euro per dar vita al suo sogno di realizzare un grande spazio formativo-espositivo, decisamente futuristico, una sorta di workshop permanente dalla forte impronta tecnologica, dove apprendere, sperimentare, condividere qualità e Professionalità eccelse, dal prodotto, al marketing, alla comunicazione.

A creare un’icona, simbolo e cuore del polo dedicato alla moda ci ha pensato Senso – Immersive Experience, studio creativo che fa capo a Mick Odelli, specializzato in Immersive Storytelling e installazioni hi-tech d’avanguardia e ad alto contenuto emozionale.

Un lavoro complesso che ha richiesto ben quattro mesi di progettazione, altri quattro mesi per la ricerca dei migliori fornitori, un mese di assemblaggio e un mese di installazione.

“Statua di Donna nasce per celebrare la femminilità e il legame profondo che lega le donne alla storia della moda. Concetti universali che come tali vengono raccontati coinvolgendo i sensi attraverso suggestioni visive e sonore, che prendono vita in un prezioso abito che abbiamo immaginato interamente coperto di diamanti luccicanti” racconta Nicoletta Caporaletti, Key Account di Senso – Immersive Experience e Project Manager del progetto, che prosegue “Suggestione resa magnificamente dalle leggere sfere che racchiudono la tecnologia LED che permette di animare la scultura e di raccontare in chiave creativa gli oltre 30.000 disegni di textile design raccolti all’interno del Fondo Renzo Brandone, acquisito dalla Fondazione. Il concept nasce proprio dalla doppia anima della scultura che attraverso una tecnologia altamente innovativa, intende valorizzare la storia del design e della manifattura Made in Italy.”

I 21.120 LED inseriti all’interno di 5280 sfere bianche opaline rendono Statua di Donna una tra le sculture LED tridimensionali più grandi al mondo. Un primato importante che accentua il valore di un Opera in cui medium e messaggio si fondono sottolineando l’aspetto emozionale e trasformando l’icona in un’esperienza multisensoriale, come dichiara Odelli: “Questa scultura rappresenta l’anima più artistica di Senso, unita ad una tecnologia avanzata. Rappresenta da un lato l’estrema poliedricità di uno studio dove allo stesso tavolo siedono ingegneri, architetti e artisti. Dall’altro, è l’espressione tangibile dell’idea che il medium non è mai neutro. La tecnologia è il mezzo per cui, prima del messaggio, si preannuncia in nuce una parte di ciò che intendiamo comunicare.”

La dedica dell’opera è speciale: a Olga Cantelli la più creativa e fascinosa stilista del Gruppo La Perla.

Le suggestioni visive e sonore evocano la femminilità insita nella moda e danno vita a una narrazione che prende forma attraverso un abito che si trasforma: un tessuto avvolgente che assume le sembianze delle migliaia di texture del Fondo Renzo Brandone catalogate e digitalizzate dalla Fondazione.

Ma soprattutto (per volere di Alberto Masotti) Statua di Donna rappresenta gli artigiani e le manifatture della moda che da sempre popolano la Regione Emilia Romagna, realizzando prodotti di altissima qualità.

Pietre miliari che hanno contribuito a rendere forte il brand del Made in Italy,

L’icona femminile ha trovato nella splendida sede di Fashion Research Italy la propria casa e sarà l’affascinante ambasciatrice del progetto.

 

 

 

Condividi