Testo di SILVIA BRAGONZI,
con la partecipazione di CARLOTTA LIMONTA (voce e piano),
e PAOLO CAMPORESI (fisarmonica).

Sabato 24 febbraio, ore 19.00
Galleria VS ARTE, via Andrea Appiani, 1, Milano

Gianna Breil, pluripremiata attrice e fondatrice di Teatro Libero, torna in scena ad interpretare il monologo di Silvia Bragonzi, scelta da Regione Lombardia tra le scrittrici di “Expo 2015”, con il coinvolgente e variegato accompagnamento musicale di Carlotta Limonta (voce e piano) e Paolo Camporesi (fisarmonica). Si tratta della storia di Frida Kahlo, nota pittrice messicana protagonista di una vita intensa nel bene e nel male, coronata dall’amore quanto dal dolore.

Affetta da spina bifida, erroneamente scambiata per poliomielite dai genitori e le persone che la circondavano, fin dall’adolescenza Frida Kahlo mostra una personalità decisa e passionale, oltre ad uno spirito indipendente e a un singolare talento artistico. La sua storia è universalmente nota per un drammatico incidente che ha luogo il 17 settembre 1925: Frida Kahlo ha 18 anni e sta tornando a casa da scuola in compagnia di Alejandro Gomez, uno studente di diritto con cui intesse una relazione amorosa. All’improvviso un tram si scontra con l’autobus sul quale viaggiavano i due giovani, e l’autobus finisce per urtare violentemente un muro. Molte persone muoiono sul colpo, Frida rimane gravemente fregiata: la colonna vertebrale si spezza in tre punti, si frattura il bacino, le costole, il piede destro e la gamba sinistra; la spalla destra è slogata in modo permanente e – a causa di una ferita penetrante all’addome, determinata da un corrimano entrato nell’anca sinistra ed uscito attraverso la vagina – Frida perde anche la sua fertilità, un dolore, questo, lancinante, che si trascinerà per tutta la sua esistenza. L’incidente porta Frida a dover subire 32 operazioni chirurgiche e a restare in ospedale per tre mesi. La vita di molti si sarebbe arenata in seguito a questo evento catastrofico ma non quella dell’artista, la quale è percorsa da un pathos vitale e da una sollecitudine riflessiva inarginabili. Negli anni immediatamente successivi, Frida conosce Diego Rivera, un illustre pittore del tempo a cui vuole sottoporre le sue opere, il quale presto diviene suo marito. Vista la repressione dei dissidenti politici, il Partito Comunista Messicano viene dichiarato fuorilegge. Frida ed il marito Diego, in esso militanti, sono costretti a lasciare la propria Terra e a trasferirsi negli Stati Uniti. Purtroppo, neanche la vita sentimentale di Frida si rivela felice e priva i traumi; i continui tradimenti del marito, tra i quali anche quello con sua sorella Cristina, conducono i due a separarsi nel 1939. L’anno seguente, cosciente dell’inamissibile errore commesso, Rivera propone nuovamente a Frida di sposarlo. L’artista, divenuta ormai indipendente e consapevole sia sul piano sessuale che su quello economico, sceglie di acconsentire a due condizioni: non avrebbe più ricevuto denaro da lui e non avrebbero più avuto rapporti sessuali. Tornati in Messico dopo aver celebrato le seconde nozze, per Frida si ripresentano i problemi di salute: nel 1944 è costretta ad indossare un busto d’acciaio e in seguito il suo stato si aggrava in maniera irreversibile. Qualche anno prima di morire le viene amputata la gamba destra, oramai incancrenata. Alla giovane età di 47 anni Frida Kahlo muore per embolia polmonare, lasciando a noi la testimonianza del trionfo per antonomasia della vita sulla morte nonché un lascito artistico di valore incommensurabile.

Commovente, coinvolgente e non privo di sfumature il monologo della Bragonzi, il quale ripercorre la vita dell’artista avvolgendola in un’atmosfera densa di ombre e fruiscii, echi animici e poetici:

“Dal mio letto a baldacchino penzolano le mie marionette, con il loro cranio lunare, a volte le metto a testa in giù, estenuate, uccise. Mi circondo di amici immaginari: bambole, scheletri di cartapesta, bestie ed ex voto che intrecciano storie antiche, magiche, vissute. È a loro che chiedo consiglio e conforto.”

Splendida la seguente asserzione, che riassume in una riga il senso dell’esistenza turbolenta della Kahlo: “Ma lui percepisce l’universo con la pelle, la sua animalità è profonda e mi insegna che non c’è umiliazione quando la vita chiede di vivere.”

La performance teatrale si configura come evento imperdibile nell’ambito del panorama artistico-culturale meneghino, che vede in concomitanza la possibilità di sondare la profondità dell’arte della Kahlo grazie ad una mostra allestita fino a giugno presso il MUDEC. Si tratta di un’occasione per ammirare finalmente in un’unica sede espositiva, dopo 15 anni, tutte le opere provenienti dal Museo Dolores Olmedo di Città del Messico e dalla Jacques and Natasha Gelman Collection, le due più importanti e ampie collezioni di Frida Kahlo al mondo.

Sarà peraltro possibile, in occasione dello spettacolo del 24 febbraio, immergersi nella bellezza sottile e delicata dell’esposizione collettiva ospitata presso VS Arte, “Sguardi e luoghi”, con opere di Tarik Berber, Filippo Cristini, Max Gasparini e Tina Sgrò. I lavori dei quattro giovani artisti delineano un percorso figurativo in chiave contemporanea incentrato sul binomio uomo e ambiente.

Informazioni e prenotazioni:

INGRESSO LIBERO, prenotazione gradita (392/4945652).

Chiara Zanetti

 

Condividi