“Fotografia, foto-grafia, significa scrivere con la luce. La fotografia, il cinema, conferiscono una specie di immortalità, una preminenza alle immagini e non alla vita reale.” 

Herbert Marshall Mcluhan

Franco Re è un fotografo e fotoamatore che lavora a Rho, in provincia di Milano, che ho conosciuto casualmente grazie alla mia attività di conduttrice.

Attraverso i suoi scatti, egli ha la possibilità di condividere la propria visione e il proprio sentire, regalando agli altri momenti di agnizione e gioia impressi in eterno, come recita la citazione che ho usato a corollario dell’articolo.

Già, perché la fotografia è un bellissimo mezzo espressivo che consente di cogliere il momentum fugit, un attimo irripetibile che rimarrà conservato nel cuore e nella memoria dello spettatore come esemplare unico di un frangente di vita nel continuum temporale…

E, diciamolo, improvvisarsi fotografi è semplice, esserlo è altro. Un po’ come esiste una differenza tra chi scrive per diletto e chi lo fa per mestiere, essendogli riconosciute quelle qualità ad uopo. Ma non siamo qui per elargire definizioni, quanto per rimanere suggestionati da qualche foto che Franco Re ha voluto regalarci. Eccone un esempio:

L’autore esegue servizi fotografici per eventi di ogni genere: dalle cerimonie alle feste, da ritratti a family portraits, il tutto ad un ottimo rapporto qualità/prezzo. Per saperne di più, vi invito a visitare il suo sito web: https://francophotography66.com/

Chiara Zanetti

 

Condividi